9 Novembre 1971 – Tragedia della Meloria

La tragedia della Meloria è il disastro aereo accaduto il 9 novembre 1971 nelle secche della Meloria, un tratto di mare situato a circa 7 km al largo di Livorno, in Toscana. L’episodio rappresenta il più grave incidente occorso alle forze armate italiane dalla fine della seconda guerra mondiale.[2]

Nell’ambito dell’esercitazione militare NATO denominata “Cold Stream” e svoltasi in Sardegna nel novembre 1971 era previsto il decollo di nove aerei militari Lockheed C.1 Hercules ed un Hawker Siddeley Andover, tutti britannici, dall’aeroporto di Pisa-San Giusto, per effettuare un lancio di paracadutisti italiani sulle zone di operazione. L’Hercules della Royal Air Force matricola XV216, appartenente al No.24 Squadron di Lyneham, si inabissò al largo della costa livornese all’alba del 9 novembre 1971, con a bordo 6 militari britannici dell’equipaggio e i 46 paracadutisti italiani della 6ª compagnia “Draghi”[3] [4], tutti periti nell’incidente.

Hercules_C130J_,_Waddington_-_geograph.org.uk_-_1139086

Un C-130 Hercules della RAF simile a quello coinvolto nell’incidente

Contesto

Sul finire degli anni sessanta la Brigata paracadutisti dell’Esercito Italiano, rinominata nel 1967 Brigata paracadutisti “Folgore”, si trovava impegnata in una grande serie di esercitazioni e operazioni di addestramento per applicare sul campo le nuove tecniche d’impiego introdotte dallo Stato maggiore dell’Esercito. L’esperienza maturata durante la seconda guerra mondiale aveva infatti dimostrato che gli aviolanci di massa presentavano criticità dal punto di vista del lancio dagli aerei e del successivo riordino a terra dei soldati paracadutisti.

Il cosiddetto “volo tattico” e l’aviolancio in modalità CARP (Calculated Air Release Point – calcolo del punto di rilascio) dovevano ovviare a questi problemi, permettendo di scegliere zone d’atterraggio meno ampie, di imbarcare i paracadutisti negli aerei per reparto d’appartenenza e di ridurre i tempi di riordino a terra: questa modalità prevedeva che gli aerei prendessero il volo uno dopo l’altro distanziati da un intervallo di tempo tale che quando il primo velivolo arrivava sulla zona di lancio (ZL) e scaricava l’ultimo paracadutista, l’aereo che seguiva ordinava il lancio al primo paracadutista che aveva a bordo, e così via fino all’ultimo aereo della formazione. La quota di volo doveva essere molto bassa, per sfuggire al rilevamento dei radar; solo in prossimità della ZL gli aerei dovevano cabrare per raggiungere la quota di lancio, una volta terminato il quale dovevano subito picchiare per ritornare a bassa quota, e seguire la rotta di rientro alla base.[5]

Il parco velivoli a disposizione della Folgore era costituito all’epoca dagli obsoleti bimotori Fairchild C-119 Flying Boxcar, inadeguati per numero e prestazioni a garantire una piena capacità addestrativa, tanto che nel 1970 vennero concordate delle esercitazioni di aviolancio con aerei messi a disposizione dall’aeronautica militare britannica, la Royal Air Force (RAF). Gli italiani potevano così effettuare un numero adeguato di aviolanci, mentre i britannici avevano la possibilità di addestrare i piloti e l’equipaggio di volo al volo tattico diurno. Nel 1971 venne pianificata una nuova esercitazione, denominata “Cold Stream” (corrente fredda), con le stesse modalità dell’anno precedente ma con l’importante novità dell’introduzione dei quadrimotori Lockheed C-130 Hercules come vettori per il trasporto dei paracadutisti.[5]

L’incidente

Verso le 02:30 del 9 novembre 1971 i paracadutisti della Folgore scelti per la missione di addestramento salirono a bordo dei camion che li trasportarono all’aeroporto di Pisa-San Giusto, dove attendevano nove C-130 e un Hawker Siddeley Andover della RAF. Tutti i velivoli erano stati contrassegnati sulla fusoliera da un numero progressivo scritto col gesso, dall’uno al dieci.[6]

Il primo a decollare, alle 04:55, fu l’Andover (“Gesso 1”) provvisto delle attrezzature necessarie a calcolare in volo il CARP. Alle 07:00, sopra la ZL di Villacidro, in Sardegna, circa 50 km a nord-ovest di Cagliari, i dieci sabotatori paracadutisti del 9º Battaglione d’assalto paracadutisti “Col Moschin” si lanciarono dall’aereo e, una volta a terra, si prepararono a segnalare e difendere la ZL in attesa dell’arrivo dei nove C-130 con a bordo 220 paracadutisti del 1º Reggimento, 100 carabinieri paracadutisti, 44 artiglieri paracadutisti, 12 paracadutisti del quartier generale della Brigata Folgore e 20 della compagnia manutenzione, per un totale di 396 soldati suddivisi in 46 per ogni aereo, insieme a due direttori di lancio.[7]

“Gesso 2”, il primo dei nove C-130, si alzò dalla pista di Pisa alle 05:41 con a bordo il generale Ferruccio Brandi, comandante della Folgore, e altri 43 paracadutisti del 1º Reggimento. Brandi compiva 51 anni proprio quel giorno. Decollarono in totale solo sette C-130, a distanza di quindici secondi l’uno dall’altro, perché “Gesso 9” e “Gesso 10” avevano subito dei ritardi. A pochi minuti dal decollo i piloti di “Gesso 5”, che segue di quindici secondi “Gesso 4”, dove sono imbarcati 44 paracadutisti della 6ª Compagnia e due direttori di lancio della Compagnia comando del II Battaglione paracadutisti “Tarquinia”, videro davanti a loro una improvvisa fiammata sul mare. Il primo pilota informò allora il comandante della formazione, tenente colonnello Scott, il quale cercò subito di stabilire un contatto radio con tutti i sette apparecchi in volo. “Gesso 4” non rispose. Scott informò allora la base e si diresse col proprio aereo “Gesso 8” sul presunto luogo dello schianto, mentre col resto della formazione procedette verso la Sardegna.[8]

All’aeroporto di Pisa, il capo ufficio operazioni della Folgore, maggiore Antonio Milani, non appena saputo da “Gesso 8” che “Gesso 4” « è in mare », si dirige a bordo di un elicottero AB-205 del 26º Gruppo squadroni ALE verso il luogo che “Gesso 5” aveva indicato come probabile punto dell’incidente: le secche della Meloria. Sul posto vengono avvistati galleggiare in una grossa macchia d’olio gli zainetti dei paracadutisti, il carrello del velivolo e battelli di salvataggio vuoti. Il comandante della Folgore, generale Brandi, viene avvisato dell’incidente non appena arriva col paracadute a terra, e subito intraprese il viaggio verso Livorno, mentre il resto dei paracadutisti proseguì l’esercitazione. Le famiglie dei caduti vennero avvisate ufficialmente dal maggiore Dario Orrù, direttore della sala operativa del comando della Folgore.[9]

Le ricerche di “Gesso 4” e il recupero dei corpi

Livorno_monumento_Caduti_della_Maloria_01

Il monumento ai caduti della Meloria in via Dino Provenzal, a Livorno, eretto per iniziativa del maresciallo incursore paracadutista Paolo Frediani.

Il Dipartimento militare marittimo “Alto Tirreno” della Marina Militare iniziò le ricerche mettendo in campo imbarcazioni e mezzi aerei. Il mare mosso e le poco precise indicazioni del punto d’impatto fatte dal personale di ricerca, però, ostacolarono le operazioni che portarono a un nulla di fatto.[9] Occorrevano dati più precisi, che comunque erano a disposizione. Incrociando i punti di osservazione da terra di due testimoni oculari con uno dei fari della Meloria, i maggiori Orrù e Milani individuarono un più plausibile punto d’impatto. Il 14 novembre l’allora capo di stato maggiore della Marina, ammiraglio di squadra Giuseppe Roselli Lorenzini, convocò Orrù per informarlo che stava partecipando direttamente alle ricerche, volendo inoltre sapere in quale punto di una carta nautica messa a sua disposizione si sarebbe schiantato “Gesso 4”. Il punto indicato da Orrù fu molto vicino a quelli indicati dal pilota e dal navigatore di “Gesso 5”, anch’essi presenti alla riunione. In questa nuova zona si recarono i dragamine Faggio e Ontano, e proprio l’Ontano, il 15 novembre, individuò a circa 50 metri di profondità il relitto di “Gesso 4”.[10]

Le operazioni di recupero iniziarono il 17 novembre Coordinate dalla Marina Militare con la nave appoggio incursori Pietro Cavezzale e con l’aiuto di Carabinieri, Polizia di Stato e membri del Battaglione Sabotatori Paracadutisti. Diversi giorni dopo Nave Cavezzale fu affiancata dall’omologa britannica Layburn. I corpi recuperati dal fondale marino vennero issati su un rimorchiatore e portati a terra. I ragazzi vennero tutti identificati grazie alle matricole dei paracadute e al numero di matricola delle armi in dotazione a ogni singolo parà. Il giorno successivo, 18 novembre, il sergente maggiore dei Sabotatori Giannino Caria, si tolse la cima che lo teneva collegato ad un collega (andavano in coppia per sicurezza), forse per poter esplorare più liberamente i resti di “Gesso 4”, e rimase sul fondo. Un capitano dell’Aeronautica Militare avvertito dal compagno di immersione, si tuffò subito in mare e riportò alla superficie il corpo senza vita di Caria, decorato per il suo gesto con la medaglia d’oro al valore civile.[10][11]

Nave Cavezzale rimase a Livorno fino al 10 febbraio 1972. In tale data vennero sospese le ricerche.A questa data erano stati ritrovati trentacinque paracadutisti e tre aviatori. Nave Cavezzale tornò altre due volte sul luogo della sciagura su segnalazioni di ritrovamenti da parte di subacquei che si immergevano nei pressi delle Secche della Meloria. Nel giugno seguente, nel corso di un’immersione nelle acque di Tirrenia, il maggiore Francesco Miglioranza trovò la salma di un altro parà. La vicenda fu la causa che diede inizio ad un nuovo ciclo di ricerche che portarono in superficie altri tre paracadutisti. Gli undici corpi rimasti non verranno mai ritrovati.[2]

La causa dell’incidente

Dopo la tragedia venne costituita una commissione d’inchiesta incaricata di indagare sulle cause dell’incidente, ma i lavori poterono cominciare solo dopo il ritrovamento del relitto.[9] Da “Gesso 4” non giunse mai nessuna comunicazione di allarme o di emergenza,[9] e sebbene siano state recuperate dal fondale grandi parti dell’aereo grazie ad un pontone con gru dell’Arsenale M.M. di La Spezia, la commissione non è stata in grado di determinare con certezza la causa dell’incidente. Dal ritrovamento e dal posizionamento dei tronconi del velivolo, si può ipotizzare che i piloti, troppo vicini al mare, abbiano richiamato il velivolo, determinando così l’impatto della coda con l’acqua e la successiva rottura dell’aereo.[2]

I monumenti a ricordo della tragedia

Particolare della dedica riportata su una pietra, sempre parte del monumento di via Dino Provenzal, a Livorno. Le parole sono un estratto del messaggio inviato dal presidente della Repubblica Saragat al ministro della difesa Mario Tanassi.

Particolare della dedica riportata su una pietra, sempre parte del monumento di via Dino Provenzal, a Livorno. Le parole sono un estratto del messaggio inviato dal presidente della Repubblica Saragat al ministro della difesa Mario Tanassi.

Sia il presidente della Repubblica Giuseppe Saragat che la regina Elisabetta II spesero parole di cordoglio e vicinanza ai parenti dei caduti e alla Brigata Folgore. Il 12 novembre i militari di rientro dall’esercitazione in Sardegna gettarono sopra le secche della Meloria una corona a ricordo dei commilitoni morti.[9] Durante le ricerche in un muro dello stadio di Livorno apparve la scritta “46 paracadutisti morti = 46 fascisti in meno – niente lacrime”. L’autore del gesto è rimasto ignoto.[9]

Alcuni resti non identificati vennero tumulati all’interno del monumento funebre costruito al cimitero comunale dei Lupi di Livorno su progetto del caporale maggiore E. Rossato. Nel corso degli anni sono stati eretti altri monumenti. In occasione del trentennale della tragedia il 9º Reggimento d’assalto paracadutisti “Col Moschin” ha sponsorizzato la posa di un capitello in granito a circa 12 metri sott’acqua, vicino al punto in cui si inabissò “Gesso 4”. Nel novembre 2003, grazie all’impegno del maresciallo incursore paracadutista Paolo Frediani per onorare una promessa fatta al figlio del direttore di lancio di “Gesso 4”, è stato inaugurato un altro monumento in località Banditella di Livorno. Dal momento che la ricerca dei corpi si svolse nell’arco di oltre sette mesi, si celebrarono più cerimonie funebri. A una di queste, il 9 gennaio 1972 presso il Duomo di Livorno, partecipò anche il neo-presidente della Repubblica Giovanni Leone.[2]

A Collescipoli, una frazione del comune di Terni, è stato realizzato nel 1971 il Parco della Meloria. La Pro Loco di Collescipoli organizzò una manifestazione in cui alcuni bambini piantarono degli alberi; ad ogni bambino corrispondeva un militare deceduto e a questo corrispondeva un albero. Nel 2011 nel corso degli eventi della commemorazione della Meloria e i quarant’anni della Pro Loco, sono stati invitati a Collescipoli i parenti delle vittime per commemorare la tragedia.

Elenco dei caduti

Nella lista che segue sono riportati i caduti con il grado che avevano al momento della morte. Nel 2002 il deputato Roberto Lavagnini (Forza Italia) ha chiesto e ottenuto che a tutte le vittime italiane fosse conferito, a titolo onorifico alla memoria, il grado superiore.[12]

Militari britannici
  • Flight lieutenant[13] Colin G. Harrison (pilota)
  • Flying officer[14] Rick Swann-Price (co-pilota)
  • Flying officer Mike Fawcett (navigatore)
  • Flight sergeant[15] Brian D. King (motorista)
  • Sergeant Paul Fulford (loadmaster)
  • Sergeant Ralph R. Lee (direttore di lancio)[16]
Militari italiani
  • Sottotenente Pietro Maria Magnaghi
  • Sottotenente Ernesto Borghesan
  • Maresciallo capo Giuseppe Augello
  • Sergente maggiore Carmine Celozzi
  • Caporal maggiore Carlo Colombini
  • Caporale Maurizio Benericetti
  • Caporale Silvano Bolzoni
  • Caporale Antonio Fiumara
  • Caporale Giuseppe Iannì
  • Caporale Paolo Interrante
  • Caporale Sandro Licori
  • Caporale Franco Vantaggiato
  • Paracadutista Leonardo Angelini
  • Paracadutista Michele Carasi
  • Paracadutista Ettore Carta
  • Paracadutista Arcangelo Ciappellano
  • Paracadutista Antonio D’Alessandro
  • Paracadutista Giuseppe D’Alessandro
  • Paracadutista Danilo Dal Zotto
  • Paracadutista Fulvio Dall’Asta
  • Paracadutista Vincenzo De Marco
  • Paracadutista Ubaldo De Mitri
  • Paracadutista Angelo De Vito
  • Paracadutista Luciano Del Lago
  • Paracadutista Guglielmo Di Natale
  • Paracadutista Arturo Deiana
  • Paracadutista Pietro Dessì
  • Paracadutista Paolo Donnarumma
  • Paracadutista Giuseppe Facchetti
  • Paracadutista Marco Ferrari
  • Paracadutista Renato Fracassetti
  • Paracadutista Carlo Frasson
  • Paracadutista Salvatore Fumusa
  • Paracadutista William Furgeri
  • Paracadutista Rocco Giannattasio
  • Paracadutista Giovanni Giannini
  • Paracadutista Alberto Gilioli
  • Paracadutista Andrea Ginex
  • Paracadutista Giuseppe Guarnieri
  • Paracadutista Bruno Guidorzi
  • Paracadutista Roberto Liuzzi
  • Paracadutista Daniele Matelli
  • Paracadutista Robertp Morganti
  • Paracadutista Elia Quarti
  • Paracadutista Silvano Sabatini
  • Paracadutista Leonardo Torsello

Note

  1. ^ (EN) ASN Aircraft accident Lockheed Hercules C.1 XV216 Pisa, Italy.htm, su Aviation Safety Network. URL consultato il 7 novembre 2011.
  2. ^ a b c d Falciglia 2011, p. VII.
  3. ^ In forza al II Battaglione del 1º Reggimento della Brigata paracadutisti “Folgore”
  4. ^ Falciglia 2011, p. 4.
  5. ^ a b Falciglia 2011, pp. II-III.
  6. ^ Falciglia 2011, p. III.
  7. ^ Falciglia 2011, pp. III-IV.
  8. ^ Falciglia 2011, pp. IV-V.
  9. ^ a b c d e f Falciglia 2011, p. V.
  10. ^ a b Falciglia 2011, p. VI.
  11. ^ http://www.gianninocaria.it/una-cerimonia-per-ricordare-caria/.
  12. ^ Falciglia 2011, pp. VII-VIII.
  13. ^ Grado equivalente a Capitano.
  14. ^ Grado equivalente a Tenente.
  15. ^ Grado equivalente a Sergente Maggiore.
  16. ^ Distaccato dalla Royal Air Force No.1 Parachute Training School di Abingdon.

Bibliografia

  • Aldo Falciglia, « Gesso quattro non risponde » – La sciagura alle secche della Meloria, in Folgore, nº 11-12, Associazione Nazionale Paracadutisti d’Italia, novembre/dicembre 2011.

Fonte: Wikipedia